Castello Neuschwenstein

Visitare il castello Neuschwenstein e il suo predecessore Hohenschwangau

Tanti sanno che il castello Neuschwenstein è quello che ha ispirato il disegno del castello Disney, amatissimo da tutti noi, ma pochi sanno che la regione tedesca che lo ospita è piena di angoli bellissimi da fotografare, laghi limpidi e boschi curatissimi.

Noi abbiamo visitato questa zona in autunno, periodo perfetto sia per il clima che per la bellezza della natura, ma ai più romantici consigliamo di andarci in inverno: il freddo è pungente ma lo spettacolo dei due castelli innevati è semplicemente spettacolare.

Come al solito siamo partiti dal lago di Garda in macchina; dopo un’intensa giornata a spasso per Innsbruk e una scorpacciata di Sacher Torte è iniziata la seconda parte del viaggio, quella che ci ha portati in Germania! Dal momento in cui abbiamo scoperto l’esistenza del Castello Neuschwenstein abbiamo desiderato visitarlo e dopo anni di attesa nell’arco di una sera grazie al magico potere del web abbiamo trovato un hotel nella zona e l’avventura è iniziata. Non siamo viaggiatori pretenziosi, ci adattiamo praticamente a tutto ma stavolta è stato tutto perfetto, nonostante la poca organizzazione e la mancanza di tempo tra la prenotazione e la partenza.

Siamo arrivati a Fussen di sera, il check in all’Hotel Fantasia è stato rapido e abbiamo ricevuto diverse informazioni utili per la gita al castello del giorno successivo; la stanza era deliziosa, molto superiore alle nostre aspettative; a conquistarci subito è stato il bagno, interamente rivestito con delle piastrelle colorate bellissime!

L’Hotel Fantasia costa poco, è pulito e molto accogliente, e si trova a pochi passi dal centro di Fussen, cittadina adorabile che ospita diversi ristoranti e panetterie ottime anche per la colazione (oltre che per i bretzel!); sono stata piacevolmente felice di trovare diverse scelte vegetariane in tutti i locali, in alcuni erano presenti anche piatti vegani, io ho divorato i miei Kässpätzle, gli spazle al formaggio, senza sensi di colpa, il bello di quando si viaggia è che si cammina così tanto che mangiare è doveroso!

Per raggiungere il castello Neuschwenstein da Fussen bastano pochi minuti di viaggio in macchina, direzione Schwangau, un villaggio a prova di turista con hotel di lusso, negozi di souvenir e la biglietteria che vende l’ingresso per i due castelli, Neuschwenstein e Hohenschwangau: il primo è stato costruito nella seconda metà dell’800 per il re Ludovico II, che dopo essere cresciuto nel vecchio castello ne ha voluto uno tutto per se, in una location che gli permettesse di vedere comunque il maniero di famiglia.

Castello Neuschwenstein

Castello Neuschwenstein

La sua posizione lo rende unico al mondo, è incastonato su una montagna tra le rocce, per arrivare in cima la passeggiata è lunga ma abbiamo trovato un clima stranamente caldo ed è stato bellissimo trovarsi davanti a tanta maestosità dopo una camminata intensa. Esistono comunque sia un piccolo autobus turistico che delle carrozze con i cavalli che possono portare su e giù i visitatori del castello.

Castello Neuschwenstein

Il vecchio castello è meno appariscente ma esprime una potenza unica: vi consigliamo di visitarli entrambi, ne vale davvero la pena!

Castello Neuschwenstein

 

Dopo i tour ci siamo spostati nelle campagne circostanti per cercare una buona location da cui fotografare i castelli, e per puro caso ci siamo trovati davanti questo spettacolo:

Non sappiamo dirvi il nome del lago, è appena fuori Shwangau, quello che possiamo dirvi è che è stato bellissimo incrociare lo sguardo con chi quello spettacolo lo vede tutti i giorni e notare la reciproca commozione davanti ad uno dei tramonti più magici che abbiamo visto!

Castello Neuschwenstein

Castello Neuschwenstein

Informazioni utili per visitare il Castello Neuschwenstein

Hotel Fantasia Füssen, Ottostraße 1, D-87629 Füssen, Tel.: 0049 (0) 8362 / 90 80

Potete acquistare direttamente sul posto i biglietti per visitare i due castelli.

Nel piccolo villaggio di Shwangau è possibile mangiare e bere, ma fate attenzione agli orari di apertura.

 

Leggi anche: Estate in Provenza, tra campi di lavanda e villaggi arroccati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *