Labirinto della Masone: a Parma c’è il labirinto più grande del mondo!

Se cercate idee o eventi per rilassarvi in questi ultimi giorni di festa vi consigliamo di visitare il Labirinto della Masone, un’incredibile struttura costruita alle porte di Parma: noi ci siamo stati qualche settimana fa ed è stata un’esperienza davvero particolare e suggestiva. E’ incredibile pensare che sia il labirinto più grande del mondo ma è proprio così, i suoi sette ettari di superficie risultano ancora imbattuti!

labirinto della masoneLabirinto della Masone: la storia

Il Labirinto della Masone è stata prima una visione e poi un progetto di Franco Maria Ricci, editore, designer e collezionista d’arte: è lui stesso a raccontare di aver visto crescere nella sua testa l’embrione del dedalo durante le lunghe ore trascorse con lo scrittore argentino Jorge Luis Borges; l’amico sudamericano ha fatto del labirinto uno dei sue temi ricorrenti e ne parlava spesso con Ricci che ha deciso di trasformare il sogno in un’ambiziosa realtà, incantato dalle parole e dal modo di muoversi di Borges, divenuto cieco a causa di una malattia genetica.

labirinto della masoneNell’idea di Ricci il suo labirinto sarebbe dovuto essere un dolce giardino accogliente dove passeggiare e perdersi, privo di pericoli e di quell’atmosfera cupa così cara alla tradizione, ed è così che è oggi, un anno e mezzo dopo la sua inaugurazione.

Le piante di bambù sono protagoniste del percorso all’interno del Labirinto della Masone, perdersi nei vialetti è facilissimo soprattutto in caso di nebbia: noi ne abbiamo trovata tantissima ma devo dire che ha reso l’intera esperienza ancora più suggestiva e divertente!

labirinto della masoneDopo aver trovato l’uscita ci siamo piacevolmente stupiti davanti all’immensa collezione di arte di Franco Maria Ricci: il prezzo del biglietto per il labirinto comprende infatti anche l’esposizione, voluta dall’editore e curata nel più minimo dettaglio. Le 500 opere spaziano dal Cinquecento al Novecento, e insieme alla libreria e ad alcune mostre temporanee sono a disposizione dei visitatori: vi consigliamo di chiedere gli orari delle visite guidate prima di visitare il labirinto perché le guide sono preparatissime e sapranno raccontarvi aneddoti unici su Franco Maria Ricci e la sua passione per la bellezza.

labirinto della masone

Il labirinto della Masone è aperto tutti i giorni ad eccezione del martedì, dalle 10:00 alle 19:00; il costo del biglietto è di 18 Euro.

All’intero della struttura sono presenti anche una caffetteria ed un Bistrò dove assaggiare le delizie gastronomiche locali. E’ anche possibile riservare alcune aree per eventi privati.

“Ciò che è fuori di te è una proiezione di ciò che è dentro di te, e ciò che è dentro di te è una proiezione del mondo esterno. Perciò spesso, quando ti addentri nel labirinto che sta fuori di te, finisci col penetrare anche nel tuo labirinto interiore. E in molti casi è un’esperienza pericolosa.”
(Haruki Murakami)

Leggi anche: Ex Manicomio di Voghera, una passeggiata nel ricordo

Visitare Innsbruck e i mercatini di Natale

Scrivere questo post è difficilissimo, perché parlare con gioia dei mercatini di Natale di Innsbruck quando solo poche ore fa in quelli di Berlino c’è stato l’ennesimo attentato sembra davvero fuori luogo; abbiamo rimandato la pubblicazione per un paio di giorni ma oggi abbiamo deciso di raccontare la bellezza e la magia del mondo in cui viviamo, per non darla vinta a chi preferisce l’odio e il terrore.

Nessuno deve impedirci di continuare a credere in un mondo migliore, non sono in Europa ma ovunque, e raccontarlo con amore è la nostra missione, quindi continueremo a farlo, sempre.

(Norimberga – Settembre 2016)

Siamo stati ad Innsbruck qualche settimana fa per i mercatini di Natale, per respirare quell’aria di festa e di famiglia così tipica di questi eventi che ogni anno attirano migliaia di persone da tutta Europa. Ci siamo stupiti ancora una volta per il senso di libertà assoluta che si prova quando si entra in Austria passando dall’Italia, la libertà di un mondo che continua a spingere per unirsi nonostante le tante voci che sperano in chiusure, muri, separazioni.

E poi c’è Innsbruck, un fiaba vivente scaldata dalle luminarie natalizie e dalle chiacchiere incessanti dei visitatori italiani, tedeschi, austriaci, cinesi: lingue che si intrecciando, sguardi che si incontrano uniti sotto ad un cielo in cui brillano cuori rossi, lampadari enormi e stelle lontane.

innsbruckAvevamo già visitato Inssbruck quindi quest’anno ci siamo limitati a passeggiare senza fretta nei vicoli, fino ad arrivare al Cafe Sacher, una delle nostre soste dolci preferite al mondo: assaggiare la vera torta Sacher è un dovere, magari accompagnandola al tè creato per esaltarne il gusto.

innsbruck babbo natale

Uno dei punti più belli di Innsbruck, in qualsiasi stagione, è sicuramente la zona  intorno al fiume Inn: casette colorate, montagne innevate e la luce del sole che scalda dall’alto un panorama davvero spettacolare! Inutile specificare che l’ora migliore per passeggiare sul ponte è quella del tramonto, perfetta per gli animi romantici e per i fotografi: noi apparteniamo ad entrambe le categorie quindi ci fermiamo sempre per qualche minuto.

Vi consigliamo comunque di rimanere ad Innsbruck anche dopo il tramonto, perché nonostante il freddo vi sembrerà davvero di camminare in una fiaba, circondati da migliaia di luci e dal profumo del cibo tipico austriaco.

Innsbruck

Leggi anche:

I mercatini di Natale di Bolzano

I mercatini di Natale di Vipiteno

Mercatini di Natale di Vipiteno

Dopo aver esplorato Bolzano potevamo non fare un salto anche ai mercatini di Natale di Vipiteno? Impossibile non cedere a questo delizioso paese da favola, con i palazzi color pastello incastonati nelle montagne innevate.

Questa volta ci siamo spostati in macchina perché a dirla tutta i mercatini di Natale di Vipiteno sono stati una tappa intermedia del nostro viaggio verso l’Austria, ma di questo parleremo nel prossimo articolo. Come potete immaginare trovare parcheggio non è stato facile, ma dopo qualche minuto di attesa siamo riusciti nell’impresa e ci siamo spostati in centro, tra i palazzi addobbati per le feste e l’odore di castagne bollenti.

mercatini di natale di vipiteno

I mercatini di Natale di Vipiteno offrono prodotti gastronomici locali e creazioni realizzate a mano, ma quello che colpisce è la bellezza del paese, camminare sulla strada principale sembra come passeggiare in una palla di vetro con la neve, l’atmosfera accogliente e raccolta sembra quasi appartenere ad un’epoca passata che rivive grazie alla magia del Natale.

Se l’idea di fotografare Vipiteno dall’alto vi intriga potete provare a salire sulla Torre delle Dodici: noi ci siamo stati e nonostante le reti di protezioni siamo riusciti a godere di una vista splendida sia sui mercatini che sulle montagne circostanti. Per le foto è stato più complicato proprio a causa delle rete, ma qualcuno ha aperto dei piccoli varchi in cui si riesce a scattare anche se con qualche difficoltà; il biglietto costa €3,50 a persona.

mercatini di natale di vipiteno

vipiteno

Non ci siamo fermati a mangiare a Vipiteno ma ancora una volta abbiamo ceduto al calore del gluhwein e al gusto salato di un Bretzel, con il freddo fare uno spuntino è doveroso e vista la qualità dei prodotti ne vale sempre la pena!

 

Leggi anche: Mercatini di Natale di Bolzano, dove dormire e come muoversi in treno